17
apr
2015
7

Surf nella pittoresca San Sebastian

Agosto 2014. Finita l’estenuante sessione di esami all’università, decisi che era arrivata l’ora di ripartire per un nuovo surf trip. La giusta ricompensa dopo tante fatiche! Avevo già viaggiato con Surf To Live a Fuerteventura e a Somo, e mi ero trovata bene, tutti gentili e simpatici. Così decisi di raggiungerli anche nella loro Surf House a Donostia – San Sebastián, nei Paesi Baschi.

La partenza si stava avvicinando, non mi importava con chi e in che modo. Mi bastava solo essere con la mia tavola, e via dalla mia città, Torino, il più presto possibile! Trovai così un passaggio in auto da Torino con due ragazzi torinesi e una ragazza del Guatemala, la quale doveva raggiungere Tolosa.

Il viaggio durò circa 15 ore, contando la tappa a Tolosa e le varie tappe per riposarci e mangiare in autogrill. Un viaggio piacevole in fondo, grazie anche ai miei compagni di avventura che mi hanno fatto passare il tempo, tutti ragazzi molto simpatici e con la stessa grande voglia di surfare! Grazie a loro ero anche riuscita a portarmi dietro la mia tavola!

San Sebastian è davvero una bella città, e la cosa che mi è più piaciuta è la varietà dei paesaggi che puoi trovare: dal mare, alla zona collinare, alla città caotica, ai giardini tranquilli, ai vicoli caratteristici della parte vecchia. Insomma, nei giorni di piatta (perché ci sono stati purtroppo) non c’era la preoccupazione di annoiarsi! Inoltre si trova a una ventina di chilometri dal confine francese, quindi spostarsi per andare a Saint-Jean-de-Luz o a Biarritz, altre mete molto belle per il surf, è estremamente facile. A San Sebastian ho surfato alla spiaggia Zurriola, un beach break vicinissimo alla Surf House, e le condizioni delle onde in quel periodo erano ottime per i surfisti principianti come me. Sono riuscita a surfare tutti e dieci i giorni della mia permanenza, anche se verso la fine della settimana abbiamo trovato un mezzo metro d’onda scarso. Il tempo è sempre stato molto bello, sole e caldo, ed ho surfato principalmente con la muta 2/2 mm, e in altri giorni si stava bene anche solo con la lycra. Di fianco alla spiaggia Zurriola c’è anche un surf shop, il Pukas Surf, dove si può affittare l’attrezzatura e comprare lezioni di surf; ed è proprio lì che ho comprato la mia nuova tavola!

Inoltre nel periodo in cui sono andata io, Agosto, c’era anche la Semana Grande (Aste Nagusia in basco), che è una delle feste più belle d’Europa! Ovvero giorni di festa che prevedono eventi culturali, sportivi, giochi tradizionali, regate, partite di pelota, fuochi d’artificio, musica, teatro e tanta festa notturna! Insomma, tutto questo mi ha permesso di assaporare il vero spirito di San Sebastian!

Riccardo, il proprietario della Surf House, è stato molto gentile con me, ed essendo da sola mi ha dato tutte le indicazioni essenziali per muovermi in città e surfare da sola. Inoltre si era creato un bel gruppetto all’interno della Surf House e alla sera era sempre bello ritrovarsi tutti insieme per mangiare e bere qualcosa raccontandosi le proprie giornate. Anche Lele, un altro ragazzo che lavora all’interno della Surf House, mi ha dato tutte le indicazioni per arrivare da loro ed è sempre stato l’anima della festa, nonostante il suo braccio infortunato.

Ho viaggiato molto nella mia vita e di culture ne ho conosciute tante. Viaggiare per me è tutto. Un arricchimento culturale e personale, e questo surf trip è servito proprio a questo, sono migliorata nel surf e mi sono immersa in tutto quello che questa magica città ha da offrire: dal tour gastronomico di tapas e vino, alle camminate sul monte Ulia, alla visita della parte vecchia della città piena di vicoli e negozietti tipici, a tutte le magnifiche persone che ho conosciuto che facevano il Cammino di Santiago. Insomma, San Sebastian è un posto che mi è piaciuto davvero molto e ci tornerò sicuramente. Inoltre lo consiglio come viaggio per tutti quelli che hanno voglia di surfare belle onde senza andare troppo lontano, e godersi una cultura nuova, tutta da scoprire.

 

 

—————————————————————————————————————————————————

Articolo di Francesca Benna. Tutte le immagini sono di proprietà di Marco Nicolini © Copyright 2017

You may also like

Surf in Costa Rica: colori di una swell tra sogno e realtà
Viaggiare in Messico: Onde per tutti i gusti!!!
Barrel Sweet Barrel
Onde Road – dalla città al mare

4 Responses

Leave a Reply