16
apr
2016
24

Maldive: il surf trip della mia vita

Passare 7 giorni in barca in giro per le isole delle Maldive e surfare spot deserti con onde perfette è stata un’esperienza unica.

IMG-maldive22

Lo stato delle Maldive è composto da un arcipelago di atolli, situati nell’Oceano Indiano a sud–sudovest dell’india. Rinomate per la loro natura incontaminata e circondata da acque cristalline, le Maldive sono famose anche per l’ottima qualità delle onde. Le zone dove rompono le onde per poter praticare il surf si trovano presso gli atolli di Malè nord e Malè Sud.

IMG-maldive123

Durante la stagione del monsone, che va da fine Aprile a metà Novembre le onde sono alla portata più o meno di tutti i livelli. Nei mesi da Maggio ad Agosto le onde sono invece più consistenti, ma c’è anche il rischio di trovare il turismo di massa. Così ho deciso di partire a fine Ottobre, che secondo me insieme a fine Aprile sono i periodi migliori per surfare, visto che le onde rompono comunque con una buna regolarità dai 2 ai 6 piedi, a seconda del periodo, con punti di rottura sempre lunghi, dritte e perfette, adatte sia ad un livello medio che avanzato.

IMG-maldive157

Gli spot migliori e più famosi come Chicken, Lohis, Cokes, Sultan, Jail, Honkys e Ninjas, si trovano tutti presso gli atolli di Malè Nord e sono raggiungibili in 2 modi: o tramite il soggiorno in un villaggio turistico su un atollo, dove su alcuni c’è la possibilità di surfare l’onda riservata solo agli ospiti del resort, oppure soggiornando in barca e girare per tutti gli spot, dormendo quasi ogni notte accanto ad un spot diverso.

Anche dormendo nel villaggio turistico con onda privata si ha la possibilità di visitare gli altri spot con delle barchette a motore chiamate dhoni, ma non tutti gli spot sono vicini e facilmente raggiungibili, cosi ho scelto la barca grande.

Varie compagnie aeree atterranno alle Maldive, io mi sono travato bene con la Qatar che non fa pagare l’imbarco della tavola da surf, l’economy class è comoda, fa scalo a Doha e atterra a Malè, e senza calcolare lo scalo le ore di volo sono 10.30 . L’imbarco avviene appena atterrati nella capitale, Malè. Si prende posto nelle cabine doppie della barca che può ospitare fino a 14 persone, e appena sistemati si parte per il primo surf spot. Si surfa regolarmente tutti i giorni 6/7 ore al giorno su onde destre e sinistre, con session che genericamente cominciano alle 6 di mattina e finiscono alle 16.00 . Si sta sempre in acqua, si risale in barca solo per mangiare e dormire.

IMG-maldive12

La giornata comincia all’alba con una colazione leggera e veloce per affrontare le prime due ore della giornata in acqua dalle 6 alle 8, poi si risale in barca per fare la colazione vera e propria, ricca di ogni prelibatezza dal dolce al salato, ci si rilassa un paio di ore tempo di digerire e assimilare, e per le 10 si è di nuovo in acqua per altre 2/3 ore. Finita la seconda session una volta risaliti sulla barca si è sicuramente felici ma anche stanchi e affamati, quindi per le 13.00 si pranza abbondantemente, ci si ricarica e ci si rilassa di nuovo fino alle 15, ora dell’ultima session visto che il sole tramontava intorno alle 17.30 .

IMG-maldive96

Finita la giornata di surf si fa una ricca merenda, ci si gode dei tramonti da sogno in mezzo all’oceano indiano, circondato da atolli verdi e deserti che escono dall’acqua, si fa un po’ di sano stretching, due chiacchiere con i compari di bordo e in un attimo si arriva alla cena, dove sotto un cielo stellato senza eguali, si mangia tra le tante bontà il pescato del giorno.…

IMG-maldive19

A raccontarla così sembra una giornata perfetta, e in effetti lo è, fino a che non si va dormire, svegliandosi il giorno dopo difronte ad un altro spot, o lo stesso del giorno prima se ci si è trovati bene, nessuno costringe nessuno. Di solito gli spostamenti si decidono insieme anche in base ai movimenti delle altre barche con altri surfisti, per evitare che casualmente uno spot deserto diventi improvvisamente affollato. Le varie barche che offrono questo tipo di servizio comunicano tra loro per evitare di frequentare contemporaneamente lo stesso spot.

In questo modo spesso uno spot è frequentato dai surfisti di una sola barca, quindi la media di onde che si riescono a prendere durante una giornata è molto alta. Gli spostamenti da uno spot all’altro, a seconda della distanza da percorrere, avvengono o al tramonto appena finta la giornata di surf, o durante la notte per gli spostamenti più lunghi.

IMG-maldive135

E’ un viaggio stupendo anche per chi non pratica surf. Si può fare infatti anche del semplicissimo snorkeling tra i fondali più belli e trasparenti al mondo, oppure pagando un extra, si può prendere direttamente in barca il brevetto per le immersioni ed esplorare con le bombole la natura più incontaminata.

L’esperienza extra surf più bella per me è stata quando in mezzo alla settimana la barca attracca per fare rifornimenti, e si ha la possibilità di visitare un piccolo atollo sperduto nell’oceano, dove la sera su una lingua di sabbia con l’acqua che ti accarezza i piedi, viene servita una cena a base di pesce locale con l’oceano che ti circonda e visibile per 360 gradi, con il nulla intorno, è uno spettacolo vero perché si mangia su dei tavolini apparecchiati nel mezzo dell’oceano sotto un tappeto di stelle….pazzesco.

IMG-maldive54

Girare in barca per le isole delle Maldive e surfare spot deserti con onde perfette è stata un’esperienza intensa e da sogno. E’ un’esperienza che può fare anche chi viaggia solo, agganciandosi ad una barca già formata da un minimo di persone, con la speranza di trovare dei buoni compagni di viaggio. Io ho creduto e sono stato fortunato ad incontrare come compagni di barca i ragazzi del surf shop Liquido Surf, che ancora ringrazio per l’ottima compagna insieme a tutti i miei compari di bordo, Serena skipper del Flying Fish, il mio compagno di cabina Alessandro, e Luciano di Surfcamp.it per avermi trovato posto sulla barca più stilosa delle Maldive.

IMG-maldive04

Il surf trip con la barca in giro per gli atolli delle Maldive costa per 7 giorni di surf e volo compreso intorno ai 1600€, in questo sono inclusi anche gli spostamenti, tutti i pasti ed 1 litro di acqua al giorno, se si ha voglia di altra acqua, birra, cocacola, o uno snack, si paga extra. Io ho speso meno di 100€ extra senza farmi mancare niente, compresa la mancia al capitano e ai marinai a fine viaggio.

E’ vero che ce ne sono di posti al mondo dove poter surfare, e che ho visitato con 1600€ per più tempo di una settimana, ma la media di onde che si prende in un surf trip con la barca rispetto alla norma è veramente alto, un concentrato di surf indimenticabile dormendo accanto alle onde. Buon Viaggio!

IMG-maldive10

——————————————————————————————————————————————–

Articolo di Andrea Uzzo Bertollini. Tutte le immagini sono di proprietà di Andrea Uzzo Bertollini © Copyright 2017

Salva

Salva

Salva

You may also like

Surf alle Maldive: una line up tutta in rosa

Leave a Reply